Cos’è la disciplina craniosacrale

La disciplina Cs viene definita una disciplina del benessere e bio-naturale, complementare nel senso che può accostarsi a qualsiasi tipo di terapia poiché l’intenzione di questo lavoro è di sostenere l’organismo a trovare il suo miglior equilibrio, non c’è un forzare ad andare in una direzione, ma semplicemente invitare l’organismo ad orientarsi alle proprie forze intrinseche di guarigione.

Il lavoro della disciplina CS è basato sulla stimolazione della capacità di auto-guarigione dell’individuo: è un trattamento che usa la palpazione e le capacità manuali per incoraggiare il corpo a riequilibrarsi. Per questo può essere di supporto in problematiche come dolori di varia origine (es. squilibri della masticazione, esiti da traumi e incidenti) ma anche stress e stanchezza. Potenzia le difese del corpo e soprattutto aiuta e sostiene la parte sana della persona.

Si tratta di un ascolto profondo con le mani del movimento respiratorio primario, della sua espressione e delle sue potenzialità, e un profondo, silenzioso invito alle sue capacità di autoregolazione, di riequilibrio, di completezza. Un approccio con cui sviluppare un profondo senso di fiducia ad affidarsi al corpo e alla vita, quali preziose opportunità di crescita interiore.

La RP ha le sue origini in un movimento energetico alla base dello sviluppo di tutte le forme viventi, e si esprime nella fisiologia del corpo, in particolare attraverso ciò che viene definito Meccanismo Respiratorio Primario (MRP) o Sistema CS. E’ un meccanismo che inizia la sua formazione fin dall’inizio dello sviluppo embrionale ed è composto principalmente dal sistema nervoso centrale (SNC), dalle membrane che lo avvolgono e dalle ossa che lo contengono, dal cranio fino al sacro, e si estende a tutto il corpo grazie alle fasce direttamente e indirettamente ad esso connesse. Nella disciplina CS, il sistema CS è considerato alla base del funzionamento di tutto il corpo-mente-spirito. Il buon funzionamento del sistema CS influenza l’espressione degli altri sistemi: respirazione, circolazione, omeostasi (capacità di riequilibrio di tutte le funzioni corporee), postura, ecc. A sua volta, il sistema CS è influenzato ed eventualmente condizionato dal funzionamento di tutti gli altri sistemi, con i quali intesse una costante relazione reciproca. Quando questo sistema permette alla RP di esprimersi liberamente, ne consegue una maggiore capacita di salute; quando invece il suo movimento è inibito, il corpo ha più difficoltà a entrare in contatto con le proprie risorse, e ne consegue un minor grado di accesso alla salute. E’ quindi importante che questo movimento si esprima il più possibile in maniera equilibrata in tutto il corpo. Il lavoro di una sessione di CS è orientato al facilitare e sostenere la libera espressione della RP, portando attenzione sia ai fattori fisiologici (es. lo scorrimento delle fasce) sia a fattori energetici (es. la libera espressione delle forze che guidano la RP).

Come operatori CS il nostro ruolo non è quello di “intervenire e manipolare”, ma di sostenere le condizioni affinché il sistema possa auto-regolarsi e la salute sia potenziata. L’orientamento alla Salute (che indichiamo con la S per distinguerla dal concetto comune di salute) è una delle caratteristiche di questa disciplina: al centro di ogni distorsione la Salute opera per il mantenimento del miglior equilibrio possibile. L’obiettivo del metodo CS è di sostenere la Salute in modo da permettere la migliore espressione possibile della RP: non un’espressione standard, uguale per tutti, ma la migliore possibile per quella persona, nel totale rispetto delle sue possibilità.

 

PUNTI SALIENTI DISCIPLINA CS:

  • DISCIPLINA DEL BENESSERE COMPLEMENTARE AD ALTRE, NON INTERFERISCE CON APPROCCI SANITARI IN ATTO, e NON SI SOSTITUISCE ALLE TERAPIE.
  • NON E’ UNA TERAPIA IN SENSO CLASSICO, MA UN PROCESSO DI RICONNESSIONE CON LA SALUTE E CON I RITMI NATURALI INTRINSECI A OGNI SISTEMA VIVENTE.
  • STIMOLA E SOSTIENE CAPACITA’ DI AUTO-GUARGIONE che sono alla base di ogni sistema vivente. QUESTE CAPACITA’ SONO DEFINITE nella disciplina CS COME “INTELLIGENZA” DEL SISTEMA.
  • SALUTE NON COME SEMPLICE ASSENZA DI MALATTIA O DI SINTOMI, ma come un principio attivo inerente ai sistemi vitali. Il CS può aiutare a rendere più tollerabili situazioni croniche.
  • CONSIDERA SEMPRE LA GLOBALITA’ DELLA PERSONA: persona non vista come parti separate, ma come un insieme in cui ogni parte collabora al funzionamento generale.

 

PUNTI SALIENTI DEL LAVORO CS:

  • NON SI LIMITA A CRANIO E COLONNA VERTEBRALE (come il nome potrebbe suggerire), MA COINVOLGE, ATTRAVERSO LE FASCE, TUTTO IL CORPO.
  • NON E’ UN METODO DI MANIPOLAZIONE, MA SI BASA FONDAMENTALMENTE SU ASCOLTO DI MOVIMENTI MOLTO SOTTILI E SUL SOSTENERE LA LORO NATURALE ESPRESSIONE.
  • PORTANDO ATTENZIONE ALLA GLOBALITA’ SI VA A LAVORARE ANCHE CON PARTI LONTANE DALLE ZONE CHE ESPRIMONO IL DISAGIO.
  • PER PROBLEMI SPECIFICI, RIMANDARE SEMPRE IL CLIENTE AL SUO MEDICO CURANTE

 

La BCS è un approccio della pratica CS che riconosce le fondamenta più profonde del sistema umano. Guarda all’essere umano come un’espressione dell’interezza della vita stessa e delle vaste forze al lavoro nell’universo. Si occupa di come l’organismo incarna, incorpora in sé queste forze.  Tutta la Vita (come la conosciamo) è governata da ritmi: circadiani, stagioni, maree, respiro polmonare, ecc. Nella BCS si parla di un principio Biodinamico organizzativo: il Respiro della Vita (RdV). Il RdV è l’impulso vitale che genera specifici cicli ritmici, i quali coordinano, regolano e rigenerano il corpo. Questi ritmi sono descritti sotto il nome di Respirazione Primaria (RP). La RP si esprime nel corpo attraverso una serie di ritmi o maree che sono palpabili. La capacità di espressione della RP esprime la Salute intrinseca dell’organismo umano e organizza tutte le funzioni cellulari e tessutali, dal momento del concepimento fino alla morte. La RP è considerata il fondamentale principio ordinatore del sistema umano, che regola il mantenimento dell’equilibrio interno e della Salute. La RP è costantemente al lavoro per mantenere il miglior equilibrio possibile e la condizione di interezza e completezza dell’organismo anche nella situazione più disperata.